Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per gestire alcune funzioni essenziali, per tracciare gli accessi e per migliorare l'esperienza utente. Clicca per accettare i cookies.

    Consulta la Cookie Policy

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per gestire alcune funzioni essenziali, per tracciare gli accessi e per migliorare l'esperienza utente. Clicca per accettare i cookies.

    Consulta la Cookie Policy

LA BUONA VITA

Studio per un’isola ecologica nel P.E.C. Arpini, Orbassano

Committente
Privato

Località
Orbassano (To)

Gruppo progettazione
Arch. Michela Lageard - lageard architettura

Svolgimento servizio
2011


Questo studio nasce dalla necessità di individuare un modello di isola ecologica che possa essere collocata nei parcheggi o in altre zone comuni del PEC Arpini e che si integri ed adegui alla immagine complessiva dell’ intervento.

Le isole sono concepite come dei paraventi, in lamiera zincata stirata o forata, appoggiata direttamente con dei piedini sulla pavimentazione prevista nel progetto delle opere di urbanizzazione. Come copertura è stato inserito un pergolato in ACCIAIO, su cui far crescere un rampicante (piantato in un aiuola in piena terra e non in vaso, in modo che non sia indispensabile prevedere un sistema di irrigazione). Questa tipologia di copertura consente così una perfetta areazione del recinto ma ne scherma la vista interna dagli alloggi dei condomini prospettanti.

Al momento le isole sono aperte ed accessibili, ma poiché saranno ad uso esclusivo di ciascun condominio , e dagli stessi dovranno essere mantenute e gestite, è prevista la possibilità di chiuderle in un futuro.

La dimensione in pianta è di 5,20 m x 4,80m in modo da poter accogliere la differenziata di 3 o 4 scale ed è stata volutamente sovradimensionata in previsione di una raccolta differenziata più completa.

La lamiera è montata su una intelaiatura metallica ed è suddivisa in 3 pannelli scurettati. Inoltre è collegata e controventata al pergolato  attraverso dei cavi in acciaio. All’interno dell’isola sono previste due quinte schermanti, sempre in lamiera, che non consentano l’introspezione diretta e quindi la vista dei cassonetti ricoverati all’interno.

Sui prospetti si è ipotizzata la realizzazione di una scritta verniciata e sulla quinta interna la verniciatura del simbolo del riciclaggio, in modo da poterne individuare dall’esterno la destinazione d’uso: eventualmente potrebbe essere indicato anche l’indirizzo del fabbricato di competenza.